I miei preferiti

Barbara MrsTeapot B's favorites book montage

Narcopolis
Libertà
Mr Gwyn
Tre volte all'alba
Nel tempo di mezzo
1Q84: Libro 1 e 2. Aprile-Settembre
Ragione e sentimento
Una cosa da nulla
84, Charing Cross Road
Mr Jones e lo zoo della Torre di Londra
C'è ma non si
Il profumo
Stirpe
Le notti bianche, La mite e Il sogno di un uomo ridicolo
Il Circolo Pickwick
Il Maestro e Margherita
La signora Dalloway
La cena
Un giorno di gloria per Miss Pettigrew
La metamorfosi


Barbara MrsTeapot B's favorite books »

giovedì 21 gennaio 2010

Ho visto l'AMLETO con Alessandro Preziosi

Ieri sera, al Teatro Diego Fabbri di Forlì, è andato in scena l'Amleto di William Shakespeare, regia di Armando Pugliese.
Nel ruolo di Amleto, Alessandro Preziosi, che ha lasciato gli spettatori a bocca aperta. La grande Carla Cassola interpreta la madre Gertrude, Ugo Maria Morosi Polonio.

Un Amleto moderno, come l'ha definito la critica. Contemporaneo, aggiungo io; in questa interpretazione si pone l'accento sui conflitti e sulle aspirazioni dei giovani in contrapposizione alla società in cui vivono, in cui spesso non si riconoscono. Si cerca una certezza partendo dal dubbio.
Il regista Armando Pugliese spiega:
"Abbiamo cercato di evidenziare il gap culturale che separa Amleto e i suoi colleghi di studio (Orazio, Rosencranz, Guildestern) a Vittenberg da una corte danese tacciata da crapule e bagordi, ed ancora di sottolineare che "il dubbio amletico" non è tanto un ondeggiamento dell'animo, quanto piuttosto la necessità di far corrispondere la vendetta alla certezza della giustizia, e che il motore che spinge l'evolversi della tragedia è una strenua ed affascinante lotta per il potere, negato al protagonista non tanto dall'uccisione del padre quanto dall'aver impalmato da parte dell'assassino, lo zio Claudio, la legittima detentrice di quello stesso potere, sua madre."
Aggiunge:
"Parallelamente si evidenzia in Polonio e nella sua famiglia la sostanza di una cortigianeria anch'essa alle prese con le sue ambizioni e le sue mosse strategiche, in modo che i personaggi non si presentino come stereotipi incorniciati da funzioni ormai consuete nell'immaginario collettivo, ma presentino qualche curiosità comportamentale che li fa conoscere sotto un altro aspetto e più partecipi di una dialettica generale, senza la quale la tragedia non può esistere."

Ne è nato un Amleto lontano dal canonico, a partire dalla scenografia essenziale e cupa, quasi esistenzialista, e dalle musiche dei Massive Attack, ma fedele all'opera originale. Un miscuglio di modernità e classicismo che, non stravolgendo la tragedia di Shakespeare, ne evidenzia il messaggio contemporaneo che il regista ha voluto trasmettere.
L'ottima recitazione di tutti gli attori è riuscita in questo scopo: da una parte quella più sanguigna, vitale, impulsiva dei giovani, dall'altra quella più tradizionale e classica dei "padri", tutto in grande stile e con capacità straordinarie. Preziosi passava dall'una all'altra in modo stupefacente, a seconda della scena.

Come scrisse Schlegel, "l'Amleto è unico nella sua specie: è la tragedia del pensiero. Ispirata da meditazioni profonde, e non mai compiute, sul destino umano e sulla buia confusione degli avvenimenti terrestri, essa eccita le medesime meditazioni nell'animo dello spetattore".

Personaggi e interpreti (in ordine di apparizione)

Amleto Alessandro Preziosi
Orazio Marius Bizau
Claudio Francesco Biscione
Laerte Giovanni Carta
Polonio Ugo Maria Morosi
Gertrude Carla Cassola
Ofelia Silvia Siravo
Rinaldo Marco Trebian
Rosencrantz Maurizio Tomaciello
Guildenstern Marco Zingaro
Primo attore - re Marco Trebian
Secondo attore - regina Yaser Mohamed
Terzo attore - Luciano Vito Facciolla
Quarto attore - prologo Giovanni Carta
Osric Yaser Mohamed
Primo becchino Vito Facciolla
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...