I miei preferiti

Barbara MrsTeapot B's favorites book montage

Narcopolis
Libertà
Mr Gwyn
Tre volte all'alba
Nel tempo di mezzo
1Q84: Libro 1 e 2. Aprile-Settembre
Ragione e sentimento
Una cosa da nulla
84, Charing Cross Road
Mr Jones e lo zoo della Torre di Londra
C'è ma non si
Il profumo
Stirpe
Le notti bianche, La mite e Il sogno di un uomo ridicolo
Il Circolo Pickwick
Il Maestro e Margherita
La signora Dalloway
La cena
Un giorno di gloria per Miss Pettigrew
La metamorfosi


Barbara MrsTeapot B's favorite books »

mercoledì 28 ottobre 2009

IL NUOVO ROMANZO DI LUCA CIARABELLI




Oggi esce "Il paese dei Pescidoro", il nuovo romanzo di Luca Ciarabelli.


Dalla presentazione del libro:


"Villatiferno è un piccolo paese incastrato negli Appennini dell’Italia centrale, sospeso fra realtà e immaginazione. È noto come «il paese dei Pescidoro», dal nome della famiglia nobile e terribile che ne ha scritto la storia fin dal Medioevo. A Villatiferno, passato, presente e futuro si mescolano tanto da confondersi. I suoi abitanti vivono in una quotidianità stagnante, sprofondati nel conformismo, in ossequio alle regole del potere costituito. Fa eccezione Cornelio Persico, nato in Argentina da Gustavo Ramiro, emigrato italiano ripiovuto in patria col bambino e il dolore sudamericano di una donna da dimenticare. Del grigiore paesano Cornelio non ha nulla: a partire dalle sue assurde camice floreali, fino al progetto di uno spettacolo teatrale che esca dalle solite rappresentazioni religiose. Folgorato dalla visione di Via col vento nel piccolo cinema del paese, Cornelio desidera farne una trasposizione drammatica. Sembra una cosa innocua, però i potenti di Villatiferno iniziano a vedervi un pericolo, quello della forza delle idee, per quanto pacifiche, e della sedizione dell’arte. Il progetto naufraga ma non nella mente del giovane, che non smette di pensare anche quando verrà internato nel palazzo storico dei Pescidoro, rifatto a manicomio e addolcito col nome di «Albergo». E infatti è solo l’inizio di un’avventura fra le stravaganze dei pazienti del manicomio, tentativi di fuga, amori… fino a una conclusione sorprendente. Cornelio è un irriducibile della autodeterminazione individuale. A tal punto che questo nuovo romanzo di Ciarabelli diviene il racconto di una libertà, l’elogio della diversità contro le omologazioni dei regimi totalitari, palesi e occulti. Una storia di cui oggi si sentiva il bisogno."
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...