I miei preferiti

Barbara MrsTeapot B's favorites book montage

Narcopolis
Libertà
Mr Gwyn
Tre volte all'alba
Nel tempo di mezzo
1Q84: Libro 1 e 2. Aprile-Settembre
Ragione e sentimento
Una cosa da nulla
84, Charing Cross Road
Mr Jones e lo zoo della Torre di Londra
C'è ma non si
Il profumo
Stirpe
Le notti bianche, La mite e Il sogno di un uomo ridicolo
Il Circolo Pickwick
Il Maestro e Margherita
La signora Dalloway
La cena
Un giorno di gloria per Miss Pettigrew
La metamorfosi


Barbara MrsTeapot B's favorite books »

lunedì 28 dicembre 2009

Papà Bassotto torna con Corpo Morto

Una scommessa, il cadavere di uno sconosciuto nascosto in una barca, i problemi finanziari di un editore, Serena, i dissapori tra due soci, una donna misteriosa ed un amante misterioso, segreti, bugie. Non era questo che il metodico e tranquillo vicecommissario Zottìa, di Milano e sposato, si aspettava da quella vacanza tanto agognata, meritata, solitaria e temuta a Positano. Temuta perché avrebbe incontrato dopo anni la sua ospite Teresa, sorella di Serena, quest’ultima suo grande amore mai apertamente dichiarato, entrambe compagne di università ed amiche di Zottia.
Zottia farà quindi parte, per otto giorni, di un gruppo di amici, tra cui, oltre a Teresa e consorte, l’inaspettata Serena, che ha appena lasciato il marito, un giornalista intraprendente innamorato di Serena, il notaio Vuattone, il borioso editore Aureliano Severi, sua moglie e la cagnolina Meg Ryan, i due soci del marito di Teresa.
Al terzo giorno della sua permanenza nella meravigliosa Costiera Amalfitana, il ritrovamento del cadavere. Zottia viene inevitabilmente coinvolto nelle indagini insieme al Maresciallo Antuoferno ed inizia l’avventura, in modo elegante, pacato, intelligente ed ironico.
Non ci sono scene di sesso, ma amori romantici, non ci sono bambini o donne che subiscono violenze, non c’è droga, non ci sono file criptati, mancano zombie e vampiri, non ci sono inutili ed antiestetici spargimenti di sangue. Vi si trovano bigliettini – di carta! - strappati, analisi psicologiche, deduzioni basate sulla logica, altri cadaveri ed un finale inaspettato.
Se non fosse per l’ambientazione contemporanea, Corpo Morto potrebbe sembrare un classico del giallo, perché di questo ha il buongusto, la raffinatezza, la semplicità, l’eleganza e tanto humour, grazie a più di una figura, tra cui spicca quella dell’editore (denuncia ironica del mondo del libro?).
A dodici anni dal suo primo romanzo giallo, “Testimone invisibile”, Marco Polillo torna con tutta la sua passione e l’amore per il mystery all’inglese, che l’hanno portato a pubblicare l’ormai mitica collana I bassotti. Speriamo non dover attendere tanto per un terzo romanzo.

http://corpifreddi.blogspot.com/2009/12/corpo-morto-marco-polillo.html


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...