I miei preferiti

Barbara MrsTeapot B's favorites book montage

Narcopolis
Libertà
Mr Gwyn
Tre volte all'alba
Nel tempo di mezzo
1Q84: Libro 1 e 2. Aprile-Settembre
Ragione e sentimento
Una cosa da nulla
84, Charing Cross Road
Mr Jones e lo zoo della Torre di Londra
C'è ma non si
Il profumo
Stirpe
Le notti bianche, La mite e Il sogno di un uomo ridicolo
Il Circolo Pickwick
Il Maestro e Margherita
La signora Dalloway
La cena
Un giorno di gloria per Miss Pettigrew
La metamorfosi


Barbara MrsTeapot B's favorite books »

martedì 24 settembre 2013

Ho letto IL TANGO DELLA VECCHIA GUARDIA


Max e Mecha si incontrano giovanissimi, sul finire degli anni Venti, sulla Cap Polonio. Lui, di umili origini e dal passato misterioso, raffinato, elegante, ci lavora su quella nave da crociera, come ballerino, intrattenendo e facendo ballare ragazze e signore: è difficile che una donna di buona posizione, di qualunque età, gli resista. 

E' il tipo di uomo che si può incontrare al mattino, in una cioccolateria e in frac.

Lei è giovane, bellissima, sensuale, altezzosa e ricca. E sposata, con il noto compositore Armando De Troeye, diretto in Argentina per cercare ispirazione, per scommessa, con Ravel:

Se tu puoi scrivere un bolero, io posso scrivere un tango.

Armando vuole cercare l'essenza del tango, vuole carpirne la sua armonia, le sue origini, la sua passionalità, il suo istinto primitivo. Perché i tanghi sono di due tipi, spiega Max Costa alla coppia, esistono


tanghi per morire e tanghi per uccidere.

Balli, bettole, sigarette turche - con un pizzico di oppio e di miele - perle, droghe, promiscuità, bassifondi, Buenos Aires, seta, guanti, musica, risse e furti.  Inizia la passione tra due anime inquiete e molto simili tra loro, che fin dal primo sguardo, come due abili scacchisti, studiano le mosse da fare.

"Un guanto ha la sua importanza" disse lei. "Non si abbandona così alla leggera"
"Un paio di guanti non è un guanto" aggiunse. "Due, sarebbero dimenticanza casuale. Uno è..."

Nove anni dopo si incontrano a Nizza, alle soglie del secondo conflitto mondiale, per abbandonarsi di nuovo, perché Max e Mecha ballano un eterno tango.
Si ritrovano dopo trent'anni a Sorrento, durante una prestigiosa gara di scacchi del figlio di lei. Una gara di importanza vitale, per tutti

"La peggiore ossessione di uno scacchista è una partita rimandata". 
"Come la nostra" rileva Max

Un romanzo avvincente, avventuroso, due vite al limite. Una storia scritta come si scrive la musica: con naturalezza, ma nulla lasciato al caso, in modo ricercato, ma armonioso, con i giusti tempi e le dovute pause. E come quando si ascolta una bella musica, la si fischietta, come se fosse stata sempre lì, come se fosse nata con il mondo, così, in modo del tutto naturale, e non creata, questo romanzo lo considero già un classico, che non ci racconta una storia, ma ci svela Max e Mecha.





Mi hanno sempre divertito e interessato le citazione letterarie nei romanzi, penso che rivelino molto dell'autore, dello scrittore e dell'uomo. Una decorazione che va oltre la frivolezza di un bell'ornamento, ma che arricchisce. A prova della ricercatezza di questo bellissimo romanzo, ecco un elenco dei libri citati da Arturo Pérez - Reverte. Elenco che inaugura la nuova etichetta BOOKies: che cos'è un buon tè senza biscotti?

- I quattro cavalieri dell'Apocalisse, di Vicente Blasco Ibáñez - letto da Mecha agli albori della nascita del nazismo
- Il velo dipinto, di Somerset Maugham
- due romanzi polizieschi (in inglese) di Eric Ambler 
- Lettere da Capri, di Mario Soldati - a chi ha letto il romanzo, non possono non illuminarsi gli occhi.





Arturo Pérez - Reverte
"Il Tango della Vecchia Guardia"
Rizzoli
titolo originale: el tango de la guardia vieja
(anche in versione ebook) 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...