I miei preferiti

Barbara MrsTeapot B's favorites book montage

Narcopolis
Libertà
Mr Gwyn
Tre volte all'alba
Nel tempo di mezzo
1Q84: Libro 1 e 2. Aprile-Settembre
Ragione e sentimento
Una cosa da nulla
84, Charing Cross Road
Mr Jones e lo zoo della Torre di Londra
C'è ma non si
Il profumo
Stirpe
Le notti bianche, La mite e Il sogno di un uomo ridicolo
Il Circolo Pickwick
Il Maestro e Margherita
La signora Dalloway
La cena
Un giorno di gloria per Miss Pettigrew
La metamorfosi


Barbara MrsTeapot B's favorite books »

lunedì 4 novembre 2013

Ho letto DIECI DICEMBRE


La reproduction interdite, di René Magritte (1937)
A novembre.
Forse è opportuno che faccia un po' di premesse. Sono un'appassionata di racconti e non capisco perché non siano apprezzati dalla maggior parte delle persone con cui ho a che fare, ma sulla questione tornerò in un altro momento.
Adoro il surrealismo, in tutte le sue forme: dalle situazioni irreali, spinte ogni oltre limite ragionevole, all'umorismo apparentemente stupido e banale, ma che in realtà è da ricercare tra parole e immagini, al nonsense, fino ai paradossi delle relatività e della meccanica quantistica. Sono terribilmente complicata e contraddittoria, quindi dichiaro anche la mia devozione al realismo, più cinico è, meglio.
Da qui la mia adorazione per Woody Allen che, secondo me, è il miglior rappresentante dell'equilibrio instabile tra realismo (spesso cinico) e surrealismo ed è capace di oscillare tra i due senza mai cadere.
Tutto ciò per dire che George Saunders è riuscito, con questi dieci racconti, a creare un'opera che trovo assolutamente bellissima. Chiedo perdono, ma non mi vengono altri termini, perché se un libro mi piace, per me è bello e basta. 


George Saunders

Anche le altre raccolte mi erano piaciute, ma trovo che questa le superi. Perché Saunders si avvicina un po' di più alla quotidianità reale della società occidentale che ci rappresenta in questi anni, con personaggi molto introspettivi che rappresentano i nostri lati più intimi, e nel contempo mantiene quella sua vena surreale che permea tutti i racconti, anche quando non esplicitamente palesata. Poi - sarà il raggiungimento di una certa maturità o la necessità di un po' di ottimismo? - alla fine di ciascun racconto si intravvede, in modo più o meno chiaro, un certo senso di riscatto positivo del protagonista, e fa bene alla salute.
Consiglio Dieci Dicembre a tutti, soprattutto agli amanti dei racconti, ma più di qualsiasi altro, agli amanti della bella scrittura e delle belle storie. Se poi durante la lettura si ascoltano i Radiohead, viaggio letterario assicurato.

Saunderstrip®
Flebo?
Affermativo.




George Saunders
"Dieci dicembre"
Minimum Fax
titolo originale: Tenth of December (2013)


anche in versione e-book
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...